Fobie specifiche

Fobie specifiche

La fobia è una paura esagerata, irrazionale e sproporzionata per un certo oggetto, animale o situazione. La sua peculiarità è che anche di fronte a spiegazioni razionali questa paura non può essere controllata e prende il sopravvento sulla persona che metterà in atto comportamenti di evitamento per allontanarsi dalla situazione o dall’oggetto temuto. Le fobie sono parzialmente invalidanti, esempio chi ha paura di volare non prenderà mai un aereo e potrà iniziare ad avere i sintomi tipici della fobia già all’aeroporto. 
I sintomi più comuni dell’ansia fobica sono: tachicardia, nausea, diarrea, mancanza d’aria, vertigini.

L’evitamento delle situazioni temute o dell’oggetto che provoca ansia se da un lato riduce a breve termine la tensione, dall’altro non fa altro che rafforzare la paura, creando così un circolo vizioso in cui la fobia aumenterà e la persona tenderà ad evitare lo stimolo temuto sempre di più con conseguente impoverimento della vita quotidiana e il rischio di isolamento sociale. Esempio la paura dell’aereo può recare la rinuncia di viaggi per lavoro o per piacere, la claustrofobia costringe le persone a non salire sugli ascensori (pensate a chi vive in città come New York piene di grattacieli) o la metropolitana.
Le fobie specifiche sono moltissime tra le più comuni vi sono: fobie per gli animali (cani, gatti, ragni, insetti, piccioni), fobia degli spazi chiusi, fobia degli aghi e del sangue, fobia dell’aereo, agorafobia, fobia sociale, fobia di guidare, ipocondria, dismorfobia  (fobia riguardante parti del corpo ritenute orrende).

Il trattamento psicologico in caso di fobie ha una durata temporale relativamente breve. La psicoterapia cognitiva prevede l’uso di tecniche di esposizione graduale alle situazioni o agli stimoli temuti. L’obiettivo sta nel fare in modo che l’abitudine allo stimolo si sostituisca alla paura intensa dello stesso. Una volta raggiunta l’abitudine allo stimolo questo non farà più paura e sarà vissuto dalla persona come un qualcosa di neutro. Durante la terapia si possono insegnare al paziente tecniche di rilassamento affinché venga ridotta la tensione fisica legata alla paura dell’oggetto. Nella stragrande maggioranza dei casi la terapia per le fobie specifiche ha effetto positivo.